10 Modi per migliorare la velocità e le prestazioni di un sito Web

Oltre il 50% degli utenti sul Web usano smartphone per navigare in Internet, ed è per questo che il tempo di caricamento di un sito web è importante.

prestazioni sito web

Infatti  alcuni studi dimostrano che il 47% delle persone si aspetta che una pagina web venga caricata in meno di due secondi e il 57% dei visitatori abbandonerà una pagina che impiegherà 3 o più secondi da caricare.

Quindi se il sito è lento si rischia di perdere buona fetta di utenti che verrà reindirizzata verso un altro sito web e dobbiamo subito correre ai ripari per aumentare la velocità del sito.

Per prima cosa dobbiamo:

MISURARE LA VELOCITA’ DI CARICAMENTO

Esistono diversi strumenti online per controllare la velocità di caricamento della pagina nonché prestazioni di caricamento della pagina e identificare i colli di bottiglia che rallentano le prestazioni del sito web.
Questi strumenti online forniscono suggerimenti per apportare miglioramenti.

  • Tra questi
  • Pingdom 
  • GT metrix 
  • Audit tra gli strumenti di sviluppo di Google Chrome
  • Google Page Speed,che esegue un test della velocità del tuo sito e calcola un punteggio di velocità. Il punteggio è determinato su una scala da 1 a 100, dove 100 sono i tempi di caricamento più brevi. 

Anche con  Google Analytics è possibile visionare la velocità di caricamento del sito.
Si deve accedere alla

  • sezione Contenuti nella dashboard
  • poi andare su velocità sito 
  • infine selezionare Panoramica. 

Per Migliorare la velocità di caricamento di un sito Web si deve:

1. MINIMIFICARE IL CODICE HTML, CSS E JAVASCRIPT

Una prima cosa da fare è quella di eliminare gli spazi vuoti.
Poiché ogni pezzo di codice non necessario si aggiunge alle dimensioni della pagina, è importante eliminare spazi extra e interruzioni di riga.
Le richieste HTTP sono file necessari per visualizzare il tuo sito web.
Ogni volta che le persone visitano il sito, i file HTTP, i CSS, JavaScript e immagini vengono inviati ai loro browser.
Questi file influenzano il tempo di caricamento del sito web ed è per questo necessario eliminare tutto ciò che non è necessario.

Per ridurre il caricamento delle pagine dovuto ai fogli di stile CSS si potrebbe suddividere il CSS in due parti:

  • una breve parte in linea che disegna gli elementi above the fold
  • una parte esterna che può essere differita

E’ preferibile un solo foglio di stile CSS esterno poiché i fogli di stile aggiuntivi aumentano le richieste HTTP.
Evita di includere i CSS nel codice HTML, come le div o le tue intestazioni.

Posiziona gli elementi per avere il minor numero di richieste da parte del Browser.
Gli elementi vanno messi nella parte più alta della pagina per evitare lo scrolling.
Ad esempio se i CSS sono messi nell’intestazione, il caricamento del titolo e della navigazione sarà graduale .
Gli script vanno inseriti invece nella parte inferiore del sito in modo che il browser carichi per primo le parti più rilevanti.
Identificare il CSS usato per rendere il contenuto above the fold e inserirlo nella sezione head.
Il contenuto above the fold è il contenuto che l’utente vede senza alcuna interazione sul tuo sito. È la prima impressione e quindi deve essere immediatamente visibile all’utente. 
Dando la priorità ai contenuti above the fold è possibile migliorare l’esperienza degli utenti.

2. COMPRESSIONE CON Gzip

Le pagine di grandi dimensioni sono spesso superiori a 100 kb, di conseguenza, sono ingombranti e lenti da scaricare.
Il modo migliore per accelerare il loro tempo di caricamento è comprimerli.
La compressione riduce la larghezza di banda delle pagine, riducendo in tal modo la risposta HTTP.
Questo è possibile grazie a Gzip, che permette di scaricare e trasferire file di testo,JavaScript, CSS e documenti HTML, molto più velocemente e abbreviare spazio e larghezza di banda.
Il 90% del traffico Internet  viaggia attraverso i browser che supportano Gzip, e grazie all’uso di Gzip si può velocizzare il sito.
Quindi imposta il tuo server per abilitare la compressione: Apache: usa mod_deflate Nginx: usa HttpGzipModule IIS: configura la compressione HTTP.

3. RIMUOVERE COMMENTI SPAM E LE REVISIONI DEI POST

I commenti sono fondamentali per la crescita di un blog e per avere maggiore popolarità.
Ma a volte  il blog/sito si carica di commenti spam che riempiono il database.
Quindi è meglio eliminare regolarmente i commenti spam dal sito web, per evitare di rallentarne il caricamento.
Per rimuoverli, fai clic sul pulsante Svuota spam nella sezione Commenti dalla dashboard di WordPress.

Come i commenti spam, anche le revisioni dei post rallenteranno un sito web.
Può essere utile installare un plug-in chiamato Better Delete Revision per eliminare le vecchie revisioni.
Dopo averlo aggiunto al tuo sito, si deve andare su Impostazioni e fare clic sul pulsante Verifica i post di revisione e quindi cancellarli.

4. USA W3 TOTAL CACHE

Abilita la memorizzazione nella cache di broswer.

Ogni volta che un visitatore apre un Sito Webper la prima volta, i suoi browser scaricano tutti i tipi di file come immagini, css, java.
Tra questi,  i fogli di stile e i file di script java  ed il logo, ad esempio, sono sempre gli stessi e non ha senso fare caricare il browser questi elementi  per ogni pagina.
Infatti, molti contenuti in una pagina web non sono destinati a essere cambiati di frequente o a volte non lo sono affatto.
Se si abilita il caching del browser, quando un utente visiterà per la seconda il sito Web non scaricherà di nuovo i file, risparmiando così parte del tempo di caricamento.
In questo modo si riduce notevolmente la velocità di caricamento della pagina e la quantità di dati da trasferire può essere ridotta di circa il 60%.
Le risorse statiche dovrebbero avere una durata della cache di almeno una settimana. Per le risorse di terze parti come annunci o widget, dovrebbero avere una durata della cache di almeno un giorno. Per tutte le risorse memorizzabili nella cache (file JS e CSS, file immagine, file multimediali, PDF, ecc.), Impostare Scade su un minimo di una settimana e, preferibilmente, su un anno in futuro. Non impostarlo su più di un anno in futuro perché viola le linee guida RFC.

E’ possibile  aggiungere il caching al tuo sito web, installando il plugin W3 Total Cache .

5. AGGIUNGI UN CDN AL SITO WEB

La CDN (Content Delivery Network) è costituita da un insieme di possibili localizzazioni nel mondo  che ridistribuiscono localmente il contenuto dei tuoi server e conservano in cache i file che non richiedono un continuo aggiornamento.
In pratica il CDN, è un sistema di server che lavora per distribuire il carico di larghezza di banda di distribuire il contenuto in modo uniforme. I CDN memorizzano i tuoi contenuti in vari punti dati in diverse regioni della rete, il che si traduce in un accesso più rapido al tuo sito.
Per questo, la CDN aumenta la velocità di caricamento delle pagine con migliori tempi di risposta,  sicurezza dei dati, migliore referenziazione delle pagine.
E’ conveniente pagare per una CDN solo se si ha un elevato traffico nel sito web.

6. OTTIMIZZARE LE IMMAGINI

Le immagini possono rallentare molto il caricamento del sito Web.
E’ per questo necessario caricare le immagini con i formati corretti e le dimensioni appropriate, in base al sito Web.
Le immagini di grandi dimensioni richiedono più tempo per essere caricate, quindi è importante mantenere le immagini più piccole possibile.
E’ meglio usare il formato immagine JPEG o PNG (anche se PNG non è bene supportato dai browser più vecchi).
Le GIF devono essere utilizzate solo per grafica piccola o semplice (inferiore a 10 × 10 pixel o una tavolozza di colori di 3 o meno colori) e per immagini animate. Non utilizzare BMP o TIFF.
Il PNG a 8 bit è preferito per uno screenshot a colori limitati e il JPG a 24 bit è preferito per le fotografie a colori ricchi.

In caso di immagini con metadati estranei, e quindi di grandi dimensioni, è necessario prima comprimerli e ridimensionarli prima di caricarli sul sito Web.
Utilizza gli strumenti di modifica delle immagini per ridimensionare l’immagine in base alla dimensione della pagina.

Esiste uno script, lo script lazysizes, che rileva automaticamente la giusta dimensione e la inserisce nell’attributo sizes.
Altri strumenti gratuiti per ottimizzare le immagini sono: Tiny PNG e Image Optimizer.
Altri strumenti per ottimizzare le immagini sono Storyblok  thumbor o sharp.
Un plug-in che può servire per caricare le immagini più rapidamente è Smush.it

Inoltre bisogna stare attenti ad includere sempre l’attributo src con un URL valido.

7. RIDURRE IL NUMERO DI PLUGIN DI WORD PRESS

L’utilizzo di troppi plug-in può rallentare molto la velocità dei siti Web.
Uno dei modi più semplici per migliorare il rendimento di WordPress consiste nel disattivare ed eliminare alcuni plugin che non sono necessari o che non aggiungono molto valore ai tuoi siti.
Conservare solo i plug-in necessari.
Per verificare quli sono i plugin che rallentano il sito si può provare a disattivare selettivamente i plugin e contemporaneamente misurare le prestazioni del server.
In questo modo si può identificare qualsiasi plugin che danneggi la velocità del tuo sito.

8. RIDURRE I REINDIRIZAMENTI

I reindirizzamenti utilizzano i codici di stato 301 e 302 ed  aumentano le richieste HTTP, che in aumentano il tempo di caricamento del sito web.
Il browser viene reindirizzato da un URL a un altro, per connettere diverse parti del sito o per indirizzare a una nuova posizione di un URL.
Ovviamente non reindirizzare mai a un dominio che non offre contenuti!

9. ACQUISTA UN BUON HOSTING

Se hai un buon budget e un grande obiettivo per il sito, evita di acquistare hosting con spazio condiviso del server.

10. NON USARE TROPPI VIDEO 

I video incorporati nella  pagina nonostante aggiungano valore, possono notevolmente ridurre la velocità di caricamento.
I  video incorporati su pagina utilizzano iFrame, che funziona caricando essenzialmente un’altra pagina quando si tenta di visualizzare il video e quindi un rallentamento aggiuntiva del sito.

Metti in atto tutti questi consigli per migliorare la velocità di caricamento della tua pagina e potrai rendere migliore l’ esperienza utente ed aumentare i tassi di conversione del tuo sito.

Potrebbero interessarti anche...